The Amphitheater of Catania-Catania-Italy – Creative Commons by gnuckx

The Amphitheater of Catania-Catania-Italy – Creative Commons by gnuckx
4th of july decorations
Image by gnuckx
The Amphitheater of Catania

The Amphitheater of Catania was the northern edge of the old city, behind the hill Montevergine around the core of the village, in an area that today is part of the historic city center, but where in the past were the ancient necropolis .

Structure
The building of the plant had an elliptical shape, the arena measuring a diameter greater than 70 m and a minor of about 50 m. I had outside diameters of 125 x 105 m, while the outer circumference was 309 meters and circumference of 192 meters dell’Arena, and it was calculated that could hold 15,000 spectators seated and almost double that figure by adding wooden scaffolding for the spectators standing [1]. Shifted to the nearby hill was separated by a corridor with large arches and vaults that were to be support for the tiers. It was probably also covered with large tarpaulins for shelter from strong sun or in case of rain. The cavea had 14 steps. It was built with lava stone dell’Etna covered with marble and had orders thirty-two seats. There is also the place Naumachie, real naval battles with ships and fighters after it filled with water by the ancient aqueduct. The amphitheater of Catania is structurally the most complex of amphitheaters Sicilians and the largest after the Coliseum l ‘Capua amphitheater, the amphitheater of Milan, the’ Arena di Verona el ‘amphitheater in Syracuse (diameter 140 x 119 m). Presents a structure built with radial walls and sometimes against the ground, where the facade does not rely directly to radial walls, but a tunnel distribution device. The building technique includes the use of vittata on the inside and square on the outside. The heads of the pillars are in place with small square blocks of lava rock. The parameters show a somewhat neglected: the sets of square-cut are irregular and appear largely carryover. The arches are made externally with large rectangular blocks cut and joined by regular mortar of good quality, while inside are made in a large cement works radial scales. Singular, despite the overall simplicity of the building, was to show the color contrast between the dark brown lava rock and vestments of the red bricks of the arch ring. A note of prestige was represented by the marble, not only for the coating on the podium, but for some decorations like herms sides of the main entrance to the arena. Most likely the steps would be in a limestone building a strong game between the white color of the seats and the black of the ladder, as assumed by the contemporary buildings.

Entrance
At the excavation dell’Anfiteatro is accessed through an iron gate decorated with arches traforati in the upper register and completely smooth in the lower register. A decoration of the gate metal were recovered in 1906 some fragments of marble columns, which originally were to be part of the upper porch, two capitals and ionic fragments of an architrave on which was engraved the inscription AMPHITHEATRVM ITEMS. The input is thus formed: at the center where the metal door jambs are the columns with capitals, crowned dall’architrave; the remaining two columns are located in the two lateral ends and inserted between the central and there are two stone walls bearing the stories of two famous characters from Greek times related to this area (Caronda left, Stesicoro right).

History
The monument was built in the second century, the exact date is uncertain, but the architecture is leaning on ‘era of the emperors Hadrian and Antoninus Pius. Was reached by the lava of 252-253 and not long after (in the fifth century) King Theodoric of the Ostrogoths had used the materials to give the city a quarry from which to draw for the construction of masonry houses in [3] and, in ‘XI century, its facilities were used by Roger II of Sicily as a quarry for the construction of the Cathedral of Sant’Agata, whose apses still recognize the stones perfectly cut, and perhaps also of the Castello Ursino Federiciana age. In the thirteenth century, according to tradition, his efforts were vomitoria (inputs) by the Angevins to enter the city during the so-called War of the Vespers. In the next century entrances were walled up and the ruins were incorporated into the network of fortifications Aragonese (1302), but a pooling of safety came only with the building plan of the walls of the city occurred in 1550 with the killing of the first and second floor and filling the tunnel with its own rubble. After the earthquake of 1693, was definitively buried only to be turned into military training. It was later covered by the construction of new houses and the church of San Biagio (or Sant’Agata to Hell). The Prince of Biscari, as some visitors had denied that had ever existed in Catania, spent large sums of his money to perform the excavations and in two years it took a whole day a corridor and four great arches of the gallery outside [4] . In the nineteenth century were still visit from the excavations on Via del Colosseo, the populace called – and still call – Catania old and over it is all kind of embroidered legend. Of all that of a class that insinuatasi structures for a visit, no more left.

Discovery
In 1904, during the administration of De Felice architect Filadelfo Fichera, we began work to restore them to the light, then completed two years later. In 1907 took place the opening ceremony, which was also the King Vittorio Emanuele III.
Even in the postwar period the amphitheater began to decline and many buildings above the tunnels used it as sanitation facilities. During the bombardment of the Allies, which reduced the city into heaps of rubble, in 1943, the building was used like a refuge. For many years it has remained closed for safety concerns following the tragic events connected with the curiosity of visitors and researchers trying to explore the underground tunnels. Renovated in 1997, was open only during the summer and then closed because the drains of the houses adjacent to the waste water discharged inside the amphitheater. Partially renovated in July 1999 it was reopened to the public. Over the years he has suffered closures and taps, and in late 2007 and early 2008 were carried out archaeological surveys to understand the state of conservation of the structures of the pillars outside. Its ruins can be visited from Stesicoro square, representing less than one quarter of the amphitheater, and vico Amphitheater where you see the height up to the third floor, while until 2007 it was possible to see a portion of second floor of Via del Colosseo, now entirely covered by the new terrace of Villa Cerami. In the latter building, now headquarters of the Faculty of Law of the University of Catania, you can see part of the string that connected the amphitheater of the hill Montevergine (probably the ancient acropolis of the city). The rest of the amphitheater is still buried beneath the zone of Via Neve, Via Manzoni and Via Penninello.

L’Anfiteatro di Catania

L’Anfiteatro di Catania si trovava ai margini settentrionali della città antica, a ridosso della collina Montevergine che ospitava il nucleo principale dell’abitato, in una zona che oggi fa parte del centro storico della città, ma dove in passato si trovavano le antiche necropoli.

Struttura
L’edificio presentava la pianta di forma ellittica, l’arena misurava un diametro maggiore di 70 m ed uno minore di circa 50 m. I diametri esterni erano di 125 x 105 m, mentre la circonferenza esterna era di 309 metri e la circonferenza dell’Arena di 192 metri, e si è calcolato che poteva contenere 15.000 spettatori seduti e quasi il doppio di quella cifra con l’aggiunta di impalcature lignee per gli spettatori in piedi[1]. Addossato alla vicina collina ne era separato da un corridoio con grandi archi e volte che facevano da sostegno per le gradinate. Era probabilmente prevista anche una copertura con grandi teli per il riparo dal forte sole o nel caso di pioggia. La cavea presentava 14 gradoni. Venne costruito con la pietra lavica dell’Etna ricoperta da marmi ed aveva trentadue ordini di posti. Vi si svolgevano anche le naumachie, vere battaglie navali con navi e combattenti dopo averlo riempito di acqua mediante l’antico acquedotto. L’anfiteatro di Catania è strutturalmente il più complesso degli anfiteatri siciliani e il più grande dopo il Colosseo l’ anfiteatro di Capua, l’anfiteatro di Milano, l’ Arena di Verona e l’ anfiteatro di Siracusa (diametro 140 x 119 m). Presenta una struttura realizzata con muri radiali e volte non addossata al terreno, dove la facciata non si appoggia direttamente ai muri radiali, bensì a una galleria di distribuzione periferica. La tecnica edilizia prevede l’uso dell’opera vittata per le parti interne e quadrata per l’esterno. Le testate dei pilastri sono in opera quadrata con piccoli blocchi di pietra lavica. I paramenti denotano una certa trascuratezza: i blocchetti dell’opera quadrata sono a taglio irregolare e appaiono in buona parte di riporto. Gli archi sono realizzati esternamente con grossi mattoni rettangolari dal taglio regolare e uniti da malta di buona qualità, mentre internamente sono fatti in opera cementizia a grosse scaglie radiali. Singolare, nonostante la complessiva sobrietà dell’edificio, doveva apparire il contrasto cromatico tra la scurissima pietra lavica dei paramenti e il rosso dei mattoni delle ghiere degli archi. Una nota di prestigio era rappresentata dall’utilizzo del marmo, non solo per il rivestimento del podio, ma anche per alcune decorazioni come le erme ai lati dell’ingresso principale dell’arena. Molto probabilmente le gradinate dovevano essere in pietra calcarea realizzando un forte gioco cromatico tra il bianco dei sedili e il nero delle scalette, così come supponibile dalle costruzioni coeve.

Ingresso
Allo scavo dell’Anfiteatro si accede mediante una porta di ferro decorata ad archetti traforati nel registro superiore e totalmente liscio nel registro inferiore. A decorazione del portone metallico vennero recuperati nel 1906 alcuni frammenti di colonne marmoree che in origine dovevano costituire parte del loggiato superiore, due capitelli ionici frammentari e parte di un architrave su cui fu incisa la scritta AMPHITHEATRVM INSIGNE. L’ingresso è così formato: al centro il portone metallico i cui stipiti sono le colonne con capitello, coronato dall’architrave; le restanti due colonne sono situate nelle due estremità laterali e inserite tra queste e quelle centrali vi sono due pareti in pietra recanti le storie di due illustri personaggi di epoca Greca legati a questa zona (Caronda a sinistra, Stesicoro a destra).

Storia
Il monumento fu costruito nel II secolo, la data precisa è incerta, ma l’architettura fa propendere per l’ epoca tra gli imperatori Adriano e Antonino Pio. Fu raggiunto dalla lava del 252-253 e dopo non molto tempo (nel V secolo) Teodorico re degli Ostrogoti fece usare i materiali per dotare la città di una cava da cui poter attingere per la edificazione di case in muratura[3] e, nell’XI secolo, le sue strutture furono utilizzate da Ruggero II di Sicilia come cava per la costruzione della Cattedrale di Sant’Agata, sulle cui absidi si riconoscono ancora le pietre perfettamente tagliate, e forse anche del Castello Ursino in età Federiciana. Nel XIII secolo, secondo la tradizione, furono adoperati i suoi vomitoria (gli ingressi) da parte degli Angioini per accedere nella città durante la cosiddetta Guerra dei Vespri. Nel secolo successivo gli ingressi furono murati e il rudere venne inglobato nella rete di fortificazioni Aragonese (1302), ma una messa in sicurezza dell’edificio si ebbe solo con il piano di costruzione delle mura di città avvenute nel 1550 con l’abbattimento del primo e del secondo piano e del riempimento delle gallerie con le sue stesse macerie. Dopo il terremoto del 1693, fu definitivamente sepolto per poi essere trasformato in piazza d’armi. Fu in seguito coperto dalla costruzione di nuove case e della Chiesa di San Biagio (o di Sant’Agata alla Fornace). Il principe di Biscari, dato che alcuni visitatori stranieri avevano negato che fosse mai esistito a Catania, impiegò consistenti somme del suo denaro per eseguire degli scavi e in due anni ne portò a giorno un intero corridoio e quattro grandi archi della galleria esterna[4]. Nel XIX secolo erano ancora visitabili gli scavi dall’ingresso su Via del Colosseo, che il popolino chiamava – e chiama tutt’ora – Catania Vecchia e su di essi si ricamava ogni tipo di leggenda. Tra tutte quella di una scolaresca che, insinuatasi nelle strutture per una visita, non ne uscì più.

Riscoperta
Nel 1904, durante l’amministrazione De Felice ad opera dell’architetto Filadelfo Fichera, si iniziarono i lavori per riportarlo alla luce, conclusi poi due anni più tardi. Nel 1907 si svolse la cerimonia di apertura, a cui fu presente anche il re Vittorio Emanuele III.
Già nel primo dopoguerra l’Anfiteatro iniziò a decadere e molti edifici soprastanti ne usarono le gallerie come strutture fognarie. Durante il bombardamento degli Alleati, che ridusse la città in cumuli di macerie, del 1943, la struttura venne adoperata a guisa di rifugio. Per molti anni è rimasto chiuso per problemi di sicurezza a seguito di episodi tragici legati alla curiosità di visitatori e ricercatori che provavano ad esplorare i cunicoli sotterranei. Ristrutturato nel 1997, è stato aperto solo durante la stagione estiva e poi richiuso perché le fognature delle case limitrofe scaricavano le acque reflue all’interno dell’anfiteatro. Parzialmente risanato, nel luglio 1999 è stato riaperto al pubblico. Nel corso degli anni ha subìto chiusure e riaperture, mentre tra la fine del 2007 e l’inizio del 2008 sono stati effettuati sondaggi archeologici per capire lo stato di conservazione delle strutture dei pilastri esterni. I suoi resti sono visitabili dall’ingresso di piazza Stesicoro, rappresentanti meno di un quarto dell’intero anfiteatro, e dal vico Anfiteatro dove se ne vede l’altezza fino a parte del terzo piano, mentre fino al 2007 era possibile vederne una porzione del secondo piano da Via del Colosseo, oggi interamente coperto dal nuovo terrazzo di Villa Cerami. In quest’ultimo edificio, sede oggi della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Catania, è possibile vedere parte del sistema d’archi che collegava l’Anfiteatro alla collina Montevergine (probabilmente l’antica acropoli della città). La restante parte dell’anfiteatro è ancora interrata sotto le zone di Via Neve, Via Manzoni e Via Penninello.

europe europa eu italy italia catania home street art roman night city sicily sicilia nightlife building monument art history web copyright free license picture foto photo michael castielli